PB63, la scossa non arriva | di Carmine Lione

Diventano otto le sconfitte consecutive in altrettanti match disputati dalla Omeps Givova PB63 Battipaglia, sempre più fanalino di coda nel massimo campionato di basket femminile.
Le sfide quanto mai improbe degli ultimi due weekend, contro le corazzate Reyer Venezia e Virtus Eirene Ragusa,mostrano una squadra decisamente più coriacea rispetto alle prestazioni di qualche tempo fa, ma non tanto da invertire un trend negativo da cui, almeno al momento, sembra davvero complicato venir fuori.
Sabato 23 novembre, a Venezia, le ragazze di coach Orlando si arrendono col punteggio finale di 82-60, ma lottano per circa venti minuti rimanendo in scia delle più quotate avversarie. anche e soprattutto grazie alle realizzazioni di Tagliamento, Galbiati e Houser, ma dopo l’intervallo lungo arriva il prevedibile allungo delle veneziane.
Nulla da fare anche nel ritorno al Palazauli, dove a passare con un eloquente 67-87 è la Virtus Eirene Ragusa. Partita che sembra già compromessa dopo dieci minuti, complice un break di 11-27 di una Ragusa particolarmente dominante nel pitturato. Ma Battipaglia non molla e si riporta persino sotto di sette lunghezze all’intervallo lungo, ancora una volta con Tagliamento protagonista. Come accaduto in quel di Venezia, tuttavia, la fuga delle avversarie si concretizza nella terza frazione di gioco, a dimostrazione di una Omeps in difficoltà nel gestire i ritmi elevati di compagini costruite per competere per il tricolore.
Il tempo incalza e la situazione delle biancoarancio è sempre più critica: per provare a venirne fuori il patron Giancarlo Rossini si è assicurato le prestazioni di Alexandra Ciabattoni, rinforzo atteso e importante, viste le riconosciute qualità tecniche dell’ala italo-australiana proveniente da Venezia, il cui contributo potrà certamente giovare alla causa di una squadra chiamata a svegliarsi prima che sia troppo tardi.

Carmine Lione

Nella foto: Alexandra Ciabattoni

6 dicembre 2019 – © Riproduzione riservata

Facebooktwittermail