L’Inner Wheel per il Bénin

Il console generale del Bénin è stato ospite dell’associazione battipagliese in occasione di una serata dedicata alla raccolta fondi in favore del piccolo stato africano 

Battipaglia, è vicina alla popolazione del Bénin: una serata all’insegna dello stringersi l’uno accanto all’altro, umanamente. Organizzata dall’Inner Wheel di Battipaglia, fortemente voluta dalla presidente Letizia Robello, la serata di venerdì 25 gennaio ha accolto nel centro congressi San Luca di Battipaglia quasi duecento persone: ospite d’onore il Console generale del Bénin, Giuseppe Gambardella.
L’incontro preliminare, moderato da Angela De Stefano, ha mostrato le condizioni di vita della popolazione del piccolo stato africano: scarso accesso alle risorse primarie per la conduzione di una vita dignitosa, quali acqua, scuole e cure mediche. Dalle donne battipagliesi una mano tesa verso le donne del Bénin: la raccolta fondi è mirata, infatti, alla ristrutturazione di un reparto maternità. 
Essenziale il coordinamento del consolato del Benin presso Napoli, quale tramite tra le associazioni di volontariato e gli obiettivi portati a termine sul territorio beninese: un piano di interventi progettato per il miglioramento delle condizioni di vita direttamente sul territorio.
Per il console Gambardella «È grazie ad eventi come questi che siamo in grado di poter dare alcune risposte, sul piano dell’assistenza e della solidarietà, alle esigenze del popolo beninese che con fierezza rappresento nel Sud Italia. Insieme per il Bénin, inoltre, ha la peculiarità di diffondere cultura sull’argomento, contribuendo a far scaturire nuove possibilità di incontro, di sguardo verso l’altro, di comunione. Queste iniziative permettono di migliorare la qualità di vita di tutti i popoli e, di conseguenza, permetteranno un futuro qualitativamente migliore».
Dopo la proiezione del docufilm sull’avanzamento dei vari progetti nello stato africano, una discussione sul senso dell’impegno ha visto intervenire, oltre ai già citati, il consigliere regionale Francesco Picarone, il Console Generale del Venezuela a Napoli, e la sindaca di Battipaglia, Cecilia Francese, che ha incentrato il suo intervento sulla situazione Treofan – poche ore prima tutti i dipendenti avevano ricevuto le lettere di licenziamento – e sulla necessità di società dialoganti e solidali. 
La serata si è conclusa con una frugale cena, allietata dalle note a cappella del coro Crescent.

Carmine Sica

1 febbraio 2019 – © Riproduzione riservata

Facebooktwittermail