Uno spazio pubblico con le “porte aperte”

Civica Mente, l’associazione cittadina attiva dal 2013, ha deciso di darsi una svolta e di trasformarsi in un vero e proprio movimento politico, con l’obiettivo, evidentemente, di concorrere alle prossime elezioni amministrative a Battipaglia. Per iniziare questo percorso, Civica Mente inaugura il 24 gennaio una propria sede (gli associati preferiscono si dica “spazio pubblico”) in via Francesco Turco, a pochi passi da piazza della Repubblica. A raccontarci il progetto e gli obiettivi, Giuseppe Ferlisi, uno dei fondatori di Civica Mente.

Avvocato Ferlisi, perché ci tenete tanto a definirlo “spazio pubblico”?
«In questa città mancano proprio spazi di incontro, di dibattito e di confronto. Senza interazione fra le diverse categorie economiche e sociali, senza dialogo tra le diverse generazioni, non può germogliare quel senso di solidarietà, di comunità e di identità che è proprio di un tessuto sociale sano. Noi non apriamo una semplice sede, apriamo uno spazio, un piccolo luogo in cui auspichiamo possa nascere un progetto sostenibile e realistico della Battipaglia del futuro che esige un confronto con chi rappresenta il presente di questa città». 

Abbiamo capito “perché”; ma come intendete farlo?
«Renderemo noto un calendario tematico mensile. Ogni mese affronteremo un problema di questa città, convocando tavoli di confronto ai quali inviteremo associazioni, operatori economici e professionisti di quel settore, con lo scopo di individuare insieme le cause e ricercarne, insieme, le possibili soluzioni. Ogni cittadino potrà partecipare e offrire il proprio contributo: le porte saranno – anche fisicamente – aperte a tutti. Il nostro obiettivo è costruire una proposta progettuale ed economica che sia realistica».

Una proposta politica per le prossime elezioni amministrative? «Politica non è una parolaccia. Politica è preoccuparsi della cosa pubblica, è conoscere le cause del mare inquinato, di una buca stradale, di un albero mozzato, di un incendio ad un impianto di rifiuti. Tutte queste risposte spiegano perché le fabbriche chiudano, il commercio ristagni, i prezzi delle case si abbassino e del perché, in sostanza, siamo tutti più poveri rispetto a trenta anni fa».

Farete meglio di chi vi ha preceduto? Ci proverete o ci riuscirete? E come?
«Una classe politica ha fallito: i motivi di questo fallimento risiedono, secondo noi, nell’approccio. Chi ha gestito la cosa pubblica ha pensato unicamente alla propria sopravvivenza politica, a conservare il potere, alla prossima settimana, e spesso senza grossa competenza. Noi vogliamo costruire un progetto di sviluppo di Battipaglia da qui a dieci anni, vogliamo offrire una visione e intendiamo farlo con chiunque abbia questo approccio, da qualunque estrazione ideologica provenga. Speriamo non ci sia solo la lista Civica Mente, ma che ce ne siano altre al nostro fianco».

Francesco Bonito

24 gennaio 2020 – © Riproduzione riservata

Facebooktwittergoogle_plusmail