Un bel regalo per tutti di Carmine Sica


Un piccolo post su Facebook. Tre righe. Ed in meno di 6 giorni la magia si rinnova a Battipaglia.
Decine e decine di battipagliesi, con una discrezione che solo un gesto di vero amore può animare, si affacciano al mercatino natalizio portando buste colme di giocattoli, peluche, biciclette, macchinine e bambole. Oltre 200 giochi e quasi 300 pupazzi sono stati donati per quei bambini e quelle famiglie che hanno avuto un anno particolarmente duro. E la tradizione, iniziata tre anni fa con Gianluca Falcone, continua: «Sono orgoglioso di questa città e di quello che sta dando. Ci ha dato la possibilità di fare quello che facciamo, e poi mi ha fatto incontrare i ragazzi dell’associazione Con Le Mani, con cui collaboriamo per organizzare la befana e il carnevale».
Ad osservare dall’esterno questo piccolissimo evento, non si ha l’impressione di un gesto di circostanza o dettato da un rimasuglio di spirito natalizio. Piuttosto si ha la netta sensazione di uno spirito di comunità che cresce, stimolato dai valori, dall’impegno e dall’affidabilità di questi ragazzi. Cose tanto semplici quanto genuine. Parlando con loro, pare che quasi stentino a credere a quello che sono riusciti a stimolare e creare: una città raccolta, un vero e palpabile senso di comunità.
Una dimostrazione, umile e modesta, di quanto la città reale voglia scrollarsi di dosso i veleni, l’arrivismo incompetente e le competizioni di cartapesta che spesso la attanagliano nello sviluppo economico e in quello sociale.

12 gennaio 2018 – © Riproduzione riservata
Facebooktwittergoogle_plusmail