Treofan PB63, due sconfitte meritate di Valerio Bonito


Si sapeva che i due match di domenica 21 ottobre non sarebbero stati facili per la Treofan PB63, ma non ci si aspettava certo due sconfitte così dure e categoriche. Gli uomini di
coach Serrelli sono stati in partita per poco più di quindici minuti contro la forte formazione della Viola Reggio Calabria, arrivata al Palazauli insieme ad un manipolo di tifosi che ha sostenuto la squadra ospite dall’inizio alla fine, felici per l’andamento della gara, in equilibrio solo nel primo quarto, chiuso 12 a 11 per Reggio Calabria. Poi, già al minuto 14 break per la Viola che, con un parziale di 11 a 2, produce un allungo e un divario che andrà progressivamente aumentando nel corso dei minuti, fino al 61 a 81 finale. Calabresi dunque che hanno confermato la qualità di cui erano accreditati alla vigilia anche se, fin quando Battipaglia ha saputo essere combattiva, tra i due team non si è vista una gran differenza, che invece si è evidenziata quando la Treofan ha cominciato a essere meno lucida nelle scelte e soprattutto distratta in difesa.

Buone prestazioni tra i padroni di casa sono venute dal pivot Locci, dal play Murolo (entrambi autori di 13 punti) e da Ronconi, al rientro da un infortunio (11 punti per lui), con il primo molto positivo che, oltre ad aver catturato 12 rimbalzi, ha saputo utilizzare quasi sempre al meglio i palloni che gli sono arrivati all’interno dell’area.

Non meno pesante la sconfitta della femminile che è incappata in una prestazione mediocre a Napoli, di fronte a una grande Dike, perdendo 75 a 54. I parziali di periodo: 24 a 13, 42 a 27, 57 a 36 rappresentano molto bene la flebile resistenza offerta dalle battipagliesi, nelle cui file le sole Brown e Handy hanno messo a segno 46 dei 54 punti totali della squadra. Brave sicuramente loro a trovare il canestro con continuità, ma segno evidente che c’è qualcosa da migliorare nell’equilibrio della squadra, almeno in fase offensiva.

Nella foto: il pivot della PB63 Andrea Locci

26 ottobre 2018 – © riproduzione riservata
Facebooktwittergoogle_plusmail