Teatro sotto le stelle di Antonio Abate


Sei compagnie amatoriali protagoniste della rassegna organizzata dall’oratorio san Giuseppe nel quartiere sant’Anna

Anche la tredicesima edizione di Battipaglia in… palcoscenico ha riscosso numerosi consensi. La decennale rassegna teatrale cittadina, organizzata dall’Oratorio ANSPI San Giuseppe della parrocchia san Gregorio VII dall’11 al 16 luglio, ha ancora una volta attirato migliaia di battipagliesi, desiderosi di trascorrere delle piacevoli serate all’insegna del buon teatro. A conferma di una costante attenzione verso realtà locali, gli organizzatori hanno ospitato ben quattro compagnie cittadine.
La prima compagnia battipagliese a esibirsi è stata il laboratorio di teatro santa Maria delle Grazie di Battipaglia, che ha messo in scena la commedia Gennariello. Nei giorni seguenti, la compagnia Samarcanda Teatro ha rappresentato Vado per vedove, mentre il Teatro Oratorio san Giuseppe ha messo in scena Rosalì sposati qui. Nella serata di gala del lunedì, infine, è toccato alla compagnia I Cantastorie rappresentare Aggiungi un posto a tavola. Hanno ugualmente allietato la settimana di rassegna, il Laboratorio Teatro santa Margherita di Salerno con Nu vicolo in bianco e nero e la Compagnia della Crusca di Baronissi con la commedia La scelta è servita.
Commentando la rassegna, il presidente dell’Oratorio san Giuseppe, Paolo Taglianetti, ha voluto ringraziare i tanti che hanno contribuito alla buona riuscita della rassegna: «Tutte le attività oratoriali richiedono impegno e dedizione. Quando si chiude una rassegna già si pensa alla successiva e solo il sacrificio e la dedizione di chi vede i momenti di aggregazione come crescita sociale e collettiva fa sì che si vada avanti anno dopo anno». Taglianetti ha poi ricordato l’importanza di fare squadra in occasioni del genere: «Il vero protagonista è il soggetto in quanto tale, perché l’insieme di tanti singoli forma poi un gruppo affiatato e dedito a raggiungere lo scopo con spirito di sacrificio». Per la prossima edizione, il presidente dell’Oratorio ha le idee chiare: «L’obiettivo prefissato è quello di ricercare spettacoli leggeri che garantiscano divertimento sia a coloro che lo mettono in scena che agli spettatori, di modo da avere momenti gioiosi da vivere e raccontare».
Paolo Taglianetti ha anche partecipato alle commedie Rosalì sposati qui, messa in scena dal suo Oratorio e Aggiungi un posto a tavola, interpretando in quest’ultima il ruolo del Cardinale.

27 luglio 2018 – © riproduzione riservata
Facebooktwittergoogle_plusmail