Piccola eternità

Cerco l’ora remota
Dove racchiusa è la vita
e il suo slancio.
È l’ora pomeridiana dell’eterno sereno? 
Dove il tempo doppio 
è  nel sonno rappreso
e nel fremere dei muri e della clorofilla!
Forse è l’ora dei campanili 
e delle querce dei climi in ombra?
Ma forse è soltanto 
la misura di tempo più calda 
del giorno 
dei posti di mare e di antico, 
dove un monito di pietre vecchie 
ci culla il sogno della breve 
eternità felice 
chiamata sopravvivenza.

Luca Sinisgalli

31 maggio 2019 – © Riproduzione riservata

Facebooktwittergoogle_plusmail