Per la PB63 conferme, ritorni e nuovi arrivi

Nessuna sosta e mercato già in fase calda per la Polisportiva Battipagliese, desiderosa di riaccendere la passione dei propri sostenitori con una offseason degna di nota. Il sodalizio caro al patron Giancarlo Rossini in queste settimane è impegnato a definire il puzzle della stagione 2020-2021 che dovrà necessariamente essere quella della svolta, dopo le ultime annate abbastanza deludenti. Fallito l’assalto al tecnico emiliano Lorenzo Serventi – finito sulla panchina della Virtus Bologna – la società battipagliese ha deciso di puntare forte su Giuseppe Piazza, cinquantuno anni, in curriculum uno scudetto da assistant coach in quel di Lucca e un titolo europeo under 18 lo scorso anno a Sarajevo. Ad affiancare l’allenatore toscano, due volti noti in casa PB63: Francesco Dragonetto, di ritorno alla casa-madre, e Federica Di Pace, reduce da due ottime annate a livello giovanile.
Capitolo roster: la società desidera rinforzare in maniera consistente l’organico. Per quanto concerne le riconferme, si riparte dalla profeta in patria Raffaella Potolicchio, cui si aggiungono le giovanissime Opacic, Mattera, De Feo e Mazza, tutte in orbita prima squadra.
L’acquisto che inaugura il mercato battipagliese, invece, è di quelli che scaldano il cuore dei supporters: si tratta di Sara Bocchetti, pointguard partenopea che, nell’ultima stagione, si è ben distinta nelle file di Vigarano, al punto da conquistare il primato realizzativo tra tutte le giocatrice italiane del massimo campionato femminile.
Ma i botti non finiscono qui: i rumors di mercato parlano di trattative avanzate con Stella Johnson, guardia di 22 anni selezionata con la chiamata numero 29 dalle Phoenix Mercury nell’ultimo draft Wnba, ed Amber Melgoza, in uscita dall’università di Washington.
Per chiudere, il patron Rossini sta trattando personalmente il ritorno di Kourtney Treffers a Battipaglia: la giocatrice olandese classe 1994 è il simbolo del basket femminile biancorancio e più di tutte ha saputo rappresentare, nella sua permanenza in città, quei valori di classe, disciplina e spirito di sacrificio che tante soddisfazioni sul parquet sono valse ad una PB63 che vuol tornare ai fasti di un tempo. L’operazione non è delle più facili e la sensazione è che possa volerci del tempo per sbloccare la trattativa: negli anni Treffersha sviluppato il suo enorme potenziale divenendo una giocatrice di caratura europea, impegnata persino in Eurolega con la compagine belga delle Castors Braine.
Nomi importanti per un mercato che potrà certamente decollare nelle prossime settimane con le prime ufficialità: la PB63 non vuol lasciare nulla di intentato e le premesse non possono che lasciar ben sperare.

Carmine Lione

Nella foto: il coach Giuseppe Piazza

11 luglio 2020 – © Riproduzione riservata

Facebooktwittergoogle_plusmail