Omeps PB63, la scossa è arrivata!

È nel momento di massima difficoltà che si misura la forza di un gruppo e la capacità dello stesso di risalire la china. Lo sa bene la Omeps Givova Battipaglia, con zero vittorie e un piede in A2 appena prima della fine di un 2019 annus horribilis, eppure capace di dare un segnale forte, vincendo le ultime due fondamentali sfide contro avversari diretti nello scontro accesissimo per la permanenza nel massimo campionato femminile.
L’addio di Tagliamento direzione Ragusa e la “fuga” inaspettata di Houser verso gli States – con tanto di contratto ancora in essere – fanno il paio con l’innesto prezioso dell’ex Venezia, Ciabattoni, decisiva con 24 punti realizzati nelle ultime due gare disputate dalle battipagliesi.
Una vera e propria scossa quella che le ragazze di coach Orlando hanno saputo dare ad una stagione che, cortesia di una classifica estremamente corta, appare d’un tratto riapertissima con ben quattro squadre impegnate in una bagarre che promette emozioni e colpi di scena fino in fondo.
L’ultima sfida del 2019, coincidente con il primo successo stagionale della PB63, è quella dello scorso 28 dicembre, allorché sul parquet del Costa Masnaga (Lecco) le viaggianti vincono al termine di un match vietato ai deboli di cuore, chiuso sul 67-68 finale e propiziato dalle grandi performance di Ciabattoni e Jarosz (23 punti e 21 rimbalzi per quest’ultima). Una prestazione gagliarda, buon atteggiamento difensivo e capacità di coinvolgere tutte le effettive a disposizione.
Che la vittoria maturata in Lombardia sia stata qualcosa di più di una mera coincidenza lo dimostra la successiva affermazione tra le mura amiche del Palazauli, questa volta con la Virtus Segafredo Bologna. Altro scontro diretto e altra vittoria di una Omeps rigenerata, capace di soffrire, rimanendo lucida per tutti i quaranta minuti. Nell’ultimo quarto, tuttavia, la differenza la fanno i particolari e Nori, Mazza e Cremona decidono di regalare una gioia immensa al folto pubblico del Palazauli. Il punteggio finale di 65-58 fa esplodere una festa che vale l’aggancio a quota quattro punti proprio alle bianconere di Bologna, con il calendario che vedrà Battipaglia impegnata – nelle prossime settimane – con San Martino di Lupari ed Empoli sempre dinnanzi al proprio pubblico. L’occasione più ghiotta, insomma, per dare continuità di prestazioni e risultati in un momento della stagione che potrebbe verosimilmente decidere gli equilibri futuri di un campionato che, ora come non mai, la Omeps sa di poter affrontare senza alcun complesso di inferiorità.

Carmine Lione

11 gennaio 2020 – © Riproduzione riservata

Facebooktwittermail