Omeps, partenza in salita

Che non si sarebbe trattato di un inizio di stagione dei più semplici era piuttosto chiaro in casa Omeps Battipaglia, e al netto di un esordio da far tremare i polsi al cospetto del Fila San Martino di Lupari e a causa dell’assenza di una giocatrice fondamentale nello scacchiere tattico di coach Orlando, quale Tori Jarosz.
Pronostico rispettato nell’opening game del massimo campionato femminile, con il sodalizio caro al patron Rossini sconfitto sì in quel di Chianciano Terme, ma in grado di battagliare con enorme dignità contro un avversario deciso a recitare un ruolo da protagonista nel torneo.
Alla vigilia era tanta la curiosità nel vedere le biancoarancio all’opera in una gara ufficiale e le sensazioni, dopo i primi quaranta minuti della nuova stagione, malgrado la sconfitta, non possono che lasciare moderatamente soddisfatti in vista di un futuro tutto da scrivere.
La PB63 Battipaglia, dal punto di vista prettamente emotivo, ha dimostrato capacità di soffrire, consapevolezza dei propri limiti ma anche e soprattutto determinazione a sfruttare le armi a propria disposizione. Un primo quarto decisamente negativo (8-17 il break a favore di Sulciute e compagne) ha di fatto dato il la ad una riscossa furiosa, figlia delle realizzazioni del trio composto da Tagliamento, Galbiati ed Houser (23 punti realizzati da costoro sui 27 di squadra all’intervallo lungo, chiuso in perfetta parità).
Alla ripresa delle ostilità, con il minutaggio a carico delle “senior” giocoforza non limitato ed una panchina composta da giovanissime, le rotazioni di San Martino di Lupari hanno finito col fare la differenza, espressa attraverso un parziale di 32-44 nei secondi venti minuti tale da chiudere di fatto la contesa sul punteggio finale di 59-71.
Sconfitta dunque, ma a testa alta per una PB63 che, una volta recuperata la più opportuna condizione di forma delle sue effettive e reintegrata in gruppo Jarosz, potrà senz’altro valorizzare ambizioni che, quest’anno come non mai, vanno ben al di là di una semplice salvezza.

Carmine Lione

11 ottobre 2019 – © Riproduzione riservata

Facebooktwittermail