Mensa scolastica: il conto è salato?

Spettabile Nero su Bianco,
il mio nome è Annalisa Nocera. Sono una cittadina Italiana, che vive e lavora tra il comune di Eboli e quello di Battipaglia. Ho due figli piccoli, in età scolare, che frequentano fin dai primi anni le scuole nel comune di Battipaglia. Fino allo scorso anno sull’andamento scuola / mensa non avevo nulla da dire. 
La mia storia, come quella di molti altri, inizia in data 10 ottobre 2018. Da quest’anno infatti, nel bando pervenuto, il Comune di Battipaglia comunica che erogherà il servizio mensa secondo fasce Isee e citiamo testuale “innanzitutto agli studenti residenti” omettendo però che quelli non residenti pagheranno la quota più alta spettante a chi guadagna oltre i 18mila euro l’anno! Inammissibile. 
La richiesta formale pervenuta dal Comune di Battipaglia agli altri Comuni è stata di accollarsi le quote restanti dei cittadini con fascia Isee più bassa, richiesta non fattibile in quanto i cittadini Battipagliesi nello specifico nel nostro comune, Eboli, si avvalgono già delle quote ticket secondo fascia Isee nei loro Istituti. Questa è una situazione insostenibile e ingiusta: un abuso nei confronti del cittadino italiano e straniero non potersi avvalere del proprio certificato Isee.
In ultimo, nei giorni scorsi ci sono pervenute nuove comunicazioni dove davvero abbiamo toccato il fondo come comunità, come essere umani, abbattendo anche solo la parvenza e speranza di solidarietà in questo paese. Il Comune di Battipaglia comunica ufficialmente che a decorrere dal 18 marzo 2019 chiunque usufruisca del servizio mensa riceverà un aumento delle già alte quote e che persino coloro che hanno regolare Isee pari a zero, ripeto zero, sono obbligati a caricare 50 euro sui sistemi di prenotazione pasto, altrimenti gli verrà impedita la prenotazione!
Ora basta. Vogliamo denunciare questo abuso sui nostri diritti e su quelli di chi non sa come combattere questo sistema malato.
Dateci voce. Grazie.

Annalisa Nocera

23 marzo 2019 – © Riproduzione riservata

Facebooktwittergoogle_plusmail