L’Echinacea: l’immunostimolante per eccellenza di Simona Otranto

L’Echinacea è un genere di pianta diffuso in nord America di cui si utilizzano, a scopo medicinale, le specie Echinacea Purpurea, Echinacea Angustifolia ed Echinacea Pallida. La droga, ossia la parte di pianta tradizionalmente utilizzata, contenente i principi attivi, è costituita dalle radici (dalle parti aeree fiorite, invece, esclusivamente per la specie Purpurea).

CURIOSITÀ
Le piante erano utilizzate dagli indiani del nord America che le impiegavano per la cura delle più svariate malattie: dalle cefalee, al mal di stomaco, alla tosse. Veniva utilizzata per i morsi dei serpenti e per la cura delle ferite infette.

ATTIVITÀ  PRINCIPALI
Immunostimolante, antinfiammatoria.

INDICAZIONI
• Prevenzione e trattamento dell’influenza.
• Prevenzione e trattamento delle malattie da raffreddamento.
• Basse difese immunitarie.
• Stati infettivi in genere, cistiti.

PROPRIETÀ
Questa pianta è raccomandata in fitoterapia come immunostimolante. Quest’azione è probabilmente dovuta alla presenza di numerosi polisaccaridi. L’Echinacea aumenta le difese, stimola la resistenza dell’organismo contro influenza, raffreddore, malattie delle prime vie respiratorie. Consigliata a chi si ammala frequentemente, alle persone che hanno basse difese immunitarie, nei bambini. Numerose le preparazioni dedicate a più piccini per alleviare ed attutire i mali di stagione. Molti la considerano un vaccino naturale. In effetti studi scientifici confermano che le persone che fanno uso di questa pianta si ammalano con meno frequenza e in forma più lieve. Molti studi sono ancora in corso. Non sono stati comunque evidenziati effetti collaterali rilevanti. L’Echinacea possiede inoltre attività antinfiammatoria, antivirale, antineoplastica, cicatrizzante. Controindicata per mancanza di studi appropriati in gravidanza e nei soggetti affetti da malattie autoimmuni. Per uso esterno è raccomandata per accelerare la guarigione delle ferite e nelle ulcere croniche.
Dal momento che l’Echinacea può agire a livello orofaringeo, le migliori forme di somministrazione sono i preparati liquidi: tisana o tintura idroalcolica.

TISANA
Per stimolare le difese immunitarie
Ciclo di trattamento: otto settimane
– Echinacea radice 40g
– Uncaria corteccia 30g
– Rosa canina bacche30g

Preparazione del decotto: un cucchiaio da tè della miscela in 400 ml d’acqua. Lasciare bollire 8/10 minuti a fuoco lento con il coperchio. Filtrare e bere a sorsi. Una tazza al giorno come prevenzione. 2/3 tazze al giorno come trattamento anti-influenzale. Dolcificare con miele.

TINTURA IDROALCOLICA
50 gocce al dì come prevenzione
50 gocce tre volte al dì nel trattamento di stati influenzali

23 novembre 2018 – © Riproduzione riservata
Facebooktwittergoogle_plusmail