Il festival della murga


Prende il via la settima edizione del Festival Murguero. Il 28 luglio, dalla villa comunale di via Belvedere, a Battipaglia, la kermesse comincia con una spumeggiante parata in costume. E si prosegue fino alla notte del 29, nel Parco ecoarcheologico di Pontecagnano Faiano. Dieci i gruppi provenienti dall’estero. Sono artisti di strada provenienti soprattutto da Belgio, Spagna, Germania e Danimarca. L’evento organizzato dall’Associazione Murga Los Espantapajaros, unico nel suo genere in Europa, vede il patrocinio dell’Ambasciata e del Ministero della Cultura d’Argentina e dei comuni di Battipaglia e Pontecagnano. Anche quest’anno aderiscono l’associazione Mi Girano Le Ruote e il Centro Nuovo Elaion di Eboli, protagonisti durante l’anno del progetto “Siamo tutti murgueri” che ha l’obiettivo di far vivere l’energia della Murga a chi, per via della disabilità, non potrebbe praticarla per problemi fisici o psichici. Dopo un lungo periodo di prove anche i ragazzi dell’Elaion si esibiscono come percussionisti e sbandieratori. Ma la vera novità di quest’anno è il coinvolgimento dei ragazzi migranti, ospiti di comunità e centri di accoglienza, che sfileranno con gli artisti di strada durante la parata inaugurale. Perché Murga è soprattutto integrazione.

28 luglio 2017 – © Riproduzione riservata
Facebooktwittergoogle_plusmail