Gli alunni della Fiorentino si avvicineranno a casa?

Si definisce “il preside girovago”, almeno da quando la sua scuola,
l’Istituto Comprensivo Fiorentino,ha dovuto abbandonare le proprie aule due anni fa. Da allora, il dirigente Dario Palo macina chilometri alla ricerca di una soluzione per salvare la scuola che dirige. L’obiettivo è far tornare gli studenti nel quartiere Sant’Anna per l’inizio del nuovo anno scolastico. L’occasione è il Piano Scuola 2020-2021 che dovrà rispettare le norme anti-Covid. La prima condizione sarà infatti l’adeguamento edilizio previsto per tutti gli istituti d’Italia. Per il quartiere Sant’Anna significherebbe riportare in vita un pezzo della sua storia e ridare ossigeno alla sua economia.
Il dirigente ha individuato due sedi come idonee: l’ex scuola secondaria Salvemini di via Plava e l’edificio dell’I.I.S. Besta-Gloriosi in via Gonzaga che ha spazi disponibili. «Mi sono impegnato tantissimo per cercare nuove soluzioni affinché gli alunni, in particolare quelli che attualmente frequentano il plesso di via Serroni, ritornino nel quartiere – spiega Palo che, nel corso delle ultime settimane, ha incontrato i tecnici comunali e gli assessori Bruno e Giuliano per garantire, nel mese di settembre, un normale ritorno in classe  –  Abbiamo fatto diversi sopralluoghi con i tecnici comunali per verificare l’idoneità dei locali, e abbiamo chiesto all’Ente alcuni interventi di adeguamento edilizio, anche alla luce dell’emergenza Covid. Non ci sono scuse: bisogna agire velocemente».
Un progetto fattibile, non un “libro dei sogni”. Un lavoro, quello portato avanti dal dirigente scolastico, che ha ricevuto il plauso da parte dell’assessore alle politiche scolastiche e sociali, Monica Giuliano: «Sta facendo un lavoro immane per gli studenti e per le famiglie. Ha presentato un progetto che vede da parte dell’amministrazione comunale la massima condivisione e il massimo supporto. Sono assolutamente ottimista. Per il 14 settembre dobbiamo partire, quindi la decisione definitiva va assunta nel minor tempo possibile».
A farle eco è il dirigente del settore Urbanistica del comune di Battipaglia, l’ingegnere Carmine Salerno: «L’intesa c’è ed è totale con il dirigente Palo. Si tratta di un programma importante e che non può esaurirsi nell’anno corrente, ma si tratta di interventi concordati insieme. Ora siamo anche tutti più sereni dato che il Comune ha firmato la convenzione per far partire l’appalto per la nuova scuola Fiorentino».
La Regione Campania, infatti, pagherà 7 milioni di euro per la demolizione dei due plessi scolastici chiusi circa due anni fa in via Pascoli e in via De Gasperi, dove sorgerà il nuovo edificio di tre piani con aule per la scuola dell’infanzia, la scuola primaria e quella secondaria di primo grado.

Francesco Celetta

Nella foto: Dario Palo, preside della scuola Fiorentino

8 agosto 2020 – © Riproduzione riservata

Facebooktwittermail