Divisi si perde

È nel DNA della città! Lo ascolto, da decenni, quando si analizza lo scarso legame dei cittadini con Battipaglia e col territorio. Eppure ci restano, ci vivono, e in molti casi si sono arricchiti qui, ed è così che possono permettersi vacanze mondane, case in luoghi esclusivi, mandare i propri figli a studiare ovunque. Ma nei momenti salienti riemerge la frammentazione. Quando avremmo bisogno di serrare i ranghi, emergono le radici: noi siamo lucani, noi cilentani, noi picentini, noi dell’Agro e così via. Non si allontanano da questa logica gli eletti: la maggioranza smette di essere tale proprio alla vigilia di un evento che dovrebbe vedere non solo tutti i cittadini, ma soprattutto la rappresentanza politica (sic!) manifestare la preoccupazione per il futuro del nostro territorio. L’aria che respiriamo con i nostri cari è la stessa per tutti? O forse il naso dei più fortunati e degli eletti è scevro dal sentire i cattivi odori? Studi scientifici affermano che anche il cattivo trattamento della sostanza organica cela pericoli per la salute. La frequenza di malattie tumorali nella Campania Felix non può farci voltare dall’altra parte. O gli stessi sono, oltre alle puzze, immuni anche alle malattie tumorali? Orbene, si prospetta la realizzazione di un impianto con numeri da accapponare la pelle; se è vero che la frazione umida è il più sano dei rifiuti, è pur vero che un piccolo impianto ad Eboli ha intossicato con i suoi miasmi la città; è pur vero che un impianto enorme potrebbe generare maggiori miasmi; è pur vero che non abbiamo garanzie sulla miglior gestione di un mega impianto; è pur vero che, non avendo realizzato l’uscita autostradale in zona industriale, i camion dovranno attraversare le città; mi sembra ci siano già sufficienti motivi non soltanto per scendere in piazza e partecipare ad una semplice passeggiata, ma se proprio non vi sembra abbastanza, per una volta, pensate ai vostri figli e fate qualcosa per lasciargli un mondo migliore e non solo migliaia di euro in più!

24 Novembre 2017 – © Riproduzione riservata
Facebooktwittergoogle_plusmail