Diabete: l’importanza della prevenzione

INFORMAZIONE PUBBLICITARIA A CURA DI SAN PIO MEDICAL CENTER

La malattia diabetica sta crescendo in modo vertiginoso. Nel 2040 il numero complessivo di diabetici nel mondo sfiorerà i 650 milioni, e già oggi è salito a 415 milioni. Una “epidemia” che non risparmierà l’Italia, dove ci sono quasi 4 milioni di diabetici, cui si aggiungono un milione di pazienti che non sanno di esserlo e 10 milioni di prediabetici ad altissimo rischio di ammalarsi nel giro di breve tempo. Per approfondire l’argomento e parlare di prevenzione, abbiamo intervistato il dott. Biagio Tizio, endocrinologo-diabetologo che ha organizzato e diretto il Centro diabetologico negli ultimi 20 anni, dapprima presso il P.O. di Eboli ed in seguito presso il Distretto Sanitario 64 di Eboli.
Che cos’è il diabete mellito? «Il diabete mellito è una malattia cronica caratterizzata da un’eccessiva quantità di zucchero (glucosio) nel sangue e viene detta iperglicemia. Tale condizione è causata da un difetto di funzionalità o di produzione, da parte del pancreas, di insulina, un ormone che ha il compito di regolare il livello di glucosio nell’organismo». 

Quante forme di diabete esistono?
«Si distinguono due forme principali di diabete: il diabete di tipo 1, chiamato anche diabete giovanile per la sua predisposizione a svilupparsi durante gli anni dell’infanzia e dell’adolescenza, è una malattia autoimmune. Il sistema immunitario, identificando le cellule del pancreas che producono insulina (cellule Beta) come estranee e dannose, è portato ad attaccarle e distruggerle. Nel diabete di tipo 2, il pancreas riesce a produrre insulina ma o è insufficiente oppure non è utilizzata in modo ottimale dall’organismo. In entrambi i casi, questa condizione porta a un eccesso di glucosio nel sangue».

Quali sono i sintomi? 
«I sintomi legati al diabete di tipo 1 sono generalmente:
– poliuria (aumento del volume delle urine e la frequenza di minzione)
– polidipsia (aumento della sete)
– polifagia (aumento della fame) accompagnata da calo del peso
– affaticamento e stanchezza
– vista offuscata.
I sintomi legati al diabete di tipo 2 sono generalmente:
– poliuria 
– polidipsia 
– vista offuscata
– stanchezza
– ferite che si rimarginano più lentamente».

Quali sono le cause? «Le cause che determinano l’insorgere del diabete di tipo 1 sono riconducibili a fattori genetici o ambientali. Nel diabete di tipo 2 sono stati individuati diversi fattori scatenanti, come: l’obesità, la dieta non equilibrata ricca di zuccheri, la sedentarietà, l’età avanzata e fattori genetici».

Il diabete essendo una malattia invalidante presenta varie complicanze. Quali? «L’alto livello di glucosio nel sangue, oltre a creare problematiche immediate al paziente, è la principale causa di complicanze a lungo termine che limitano la vita del paziente. Le patologie correlate al diabete colpiscono occhi, cuore, apparato cardiocircolatorio, cervello, arti.Una diagnosi precoce, uno stile di vita e alimentare sano sono la chiave per evitare una malattia che sempre di più sta interessando bambini e adolescenti».

7 febbraio 2020 – © Riproduzione riservata

Facebooktwittergoogle_plusmail