Commissariato, fate presto! di Carmine Landi


Alla fine, in consiglio comunale, s’è deciso di rinviare la discussione relativa al Commissariato di Polizia di Stato a via Gonzaga, che avrebbe dovuto veder la luce nell’area che ospita lo scheletro in cemento fermo da trent’anni a causa d’un conflitto di competenze tra il Ministero della Difesa e quello degli Interni.
I consiglieri non vogliono fare passi affrettati, e hanno deciso di prendere tempo per persuadere la Questura di Salerno a dirottare l’opera sui terreni ex Ersac. Si chiederà ai responsabili del procedimento incaricati dalla Questura un incontro al quale far partecipare una delegazione della prima commissione consiliare permanente.
Le obiezioni del civico consesso alla cessione gratuita dell’area di 375 metri quadri adiacente lo scheletro di via Gonzaga sono pure abbastanza ragionevoli, a dirla tutta. Si temono ingorghi in una zona che si trova proprio a ridosso dello stadio Sant’Anna da un lato e dell’istituto scolastico “Besta-Gloriosi” dall’altra parte, e che ogni mattina, tranne il giovedì e la domenica, ospita l’area mercatale. Nei prossimi anni, da quelle parti, l’amministrazione vuole promuovere un progetto di riqualificazione, con la realizzazione d’un mercato coperto, e il timore è che realizzare il commissariato lì possa essere un freno a programmi simili. Il progetto attuale prevede che quel lotto venga destinato alla realizzazione d’una rampa per consentire ai poliziotti d’accedere con le proprie vetture al parcheggio interrato.
Una delocalizzazione sui terreni ex Ersac, che figurano nellelenco dei beni di alienazione al costo di 480mila euro, significherebbe realizzare un accesso viario da viale della Libertà. Ora serve un accordo. Sul tavolo ci sono 1,3 milioni di euro derivanti da uno storno di finanziamenti inizialmente destinati ai carabinieri e poi dirottati sul commissariato di Polizia. L’importante è far presto: il rischio è che la Polizia vada in un altro comune, e a quel punto sarà troppo tardi per invocare un maggior numero di forze di sicurezza sul territorio.

7 aprile 2017 – © Riproduzione riservata
Facebooktwittergoogle_plusmail