Battipagliese, poco bianco e tanto nero di Costantino Giannattasio

La Battipagliese sta vivendo un momento burrascoso. La stagione non è iniziata nel migliore dei modi e la cause scatenanti sono diverse.
I bianconeri avevano concluso lo scorso campionato con un ottimo piazzamento in classifica, che li aveva proiettati ai tanto desiderati play-off. Sconfitti dall’Audax Cervinara, le zebrette avevano visto svanire troppo prematuramente il sogno promozione. Mister Francesco Tudisco, artefice di una stagione tutto sommato buona, aveva visto crollare un castello di carte composto da giocatori di ottimo livello.
La rosa è stata quasi totalmente demolita, eccezion fatta per pochi elementi, fra cui il capitano Emilio Criscuolo. Discorso analogo per quanto riguarda l’assetto societario: il ds Carmine Guariglia aveva rinunciato, tra mille polemiche, al proprio ruolo nello staff, lasciando spazio all’arrivo del contestato Enzo Musto. Fin dal suo arrivo in città, Musto non gode d’un cordiale rapporto con i tifosi, che gli contestano un tatuaggio che sancisce un sodalizio con la tifoseria del Savoia, rivale dei bianconeri. Anche lo stesso Tudisco non è stato ben visto dall’ambiente poiché ritenuto inadatto al ruolo e soprattutto poco legato ai colori bianconeri. Medesima critica viene rivolta alla rosa, priva di battipagliesi doc come lo erano stati Francesco Guerrera e Filippo Viscido.
In un contesto del genere, privo di unione di intenti e chiarezza, con la tifoseria in aperta polemica con la società, è iniziato il campionato di Eccellenza 2017/18. I bianconeri hanno raccolto quattro punti in tre gare, pareggiando con il Valdiano, vincendo con l’Eclanese e perdendo con la Picciola. Proprio quest’ultimo match è stato fatale per mister Tudisco, che è stato esonerato non per motivi tecnici, stando a quanto dichiarato ufficialmente dai vertici societari, bensì per le difficoltà sorte nell’ambiente. Sulla scottante panchina della Battipagliese si è seduto Pasquale Santosuosso, navigato tecnico che per la terza volta allenerà le zebrette.
La nuova avventura targata Santosuosso non è partita nel migliore dei modi: sconfitta per 3 a 0 ad Amalfi, con il mister che ha avuto a disposizione solo una seduta d’allenamento per preparare la gara. La stagione è ancora molto lunga e la Battipagliese merita, e su questo non c’è dubbio, di ambire a campionati più blasonati dell’Eccellenza.

6 ottobre 2017 – © Riproduzione riservata
Facebooktwittergoogle_plusmail